A.P.OL. Lecce – Bollettino fitopatologico n. 4

L’A.P.OL. Lecce pubblica il Bollettino fitopatologico n. 4 relativo al monitoraggio della mosca dell’olivo – Bactrocera oleae

Suggerimenti fitosanitari
Il grado d’infestazione della Mosca dell’olivo (Bactrocera oleae) di questa settimana risulta pressoché stazionario rispetto a sette giorni fa.
Il monitoraggio effettuato sui nostri campi di osservazione rileva infatti la seguente situazione:
  • sulle varietà tradizionali a drupa piccola, Cellina di Nardò e Ogliarola salentina, poche catture di adulti sulle trappole cromotropiche e bassa percentuale di punture fertili sulle olivette. Non si consiglia pertanto alcun trattamento fitosanitario;
  • sulle varietà a drupa grossa il numero di catture di adulti è relativamente basso ma la percentuale di attacco è di estremo rilievo con infestazione attiva che in molti casi ha raggiunto il 10% delle olivette campionate su oliveti dove nelle precedenti settimane non è stato effettuato il trattamento fitosanitario. Pertanto, esclusivamente sulle varietà a drupa grossa e per chi non abbia già effettuato il trattamento nelle due-tre precedenti settimane, si consiglia un intervento fitosanitario utilizzando, anche per chi non sia in regime diagricoltura biologica, tecniche e/o prodotti ecocompatibili come l’uso di spinosad, piretrine, ecc. In alternativa,in regime di lotta integrata, prodotti a base di Dimethoato, Fosmet.
Si conferma anche questa settimana la diffusa ed estremamente rilevante presenza su molti campi di osservazione di punture di rinchite (rhinchites cribripennis).
Di seguito la situazione – soglia d’intervento 10% -:
Pianura Lecce nord                  olive infestate  2,62% (precedente 2,89%),
pianura salentina centro sud olive infestate  2,56% (precedente 3,49%),
collina litoranea brindisina    olive infestate  7,38% (precedente 7,84%),
pianura di Taranto                    olive infestate 5,25% (precedente 2,50%).