E’ record storico negativo: solo 175 mila tonnellate prodotte

Le ultime stime Ismea, sulla base dei dati dichiarativi, attestano la produzione italiana ai minimi degli ultimi decenni con 175 mila tonnellate, -59% su base annua. Continua a leggere

aioma

A.I.O.M.A. Marche, corso di formazione

A.I.O.M.A. Marche terrà una sessione formativa in Ancona alla via S.Totti, 10 presso la Sala Convegni CONFIDICOOP, il prossimo 12 giugno 2019 dalle 9:30 alle 13:00.

 

Referente il sig. Fausto Malvolti

Oro giallo: ecco come funzionava

Mille ettolitri di olio lampante o di soia tramutati per “magia” in extravergine ogni anno. Un danno da 10-20 milioni di euro all’anno per un settore già colpito da Xyella e crisi. L’indagine, partita a Foggia nel 2015, è arrivata fino in Germania. Eurojust e la procura pugliese hanno fatto arrestare 24 persone

Continua a leggere

EFSA: Aggiornamento del parere scientifico sui rischi per la salute delle piante posto da Xylella fastidiosa nel territorio dell’UE

È stato chiesto all’EFSA di aggiornare la valutazione del rischio 2015 emessa dall’EFSA su Xylella fastidiosa per il territorio dell’UE.
In particolare, è stato chiesto all’EFSA di concentrarsi sul potenziale insediamento, sulla diffusione a corto e lungo raggio, sulla durata del periodo asintomatico, sull’impatto di X. fastidiosa ed un aggiornamento sulle opzioni di riduzione del rischio.
All’EFSA è stato chiesto, inoltre, di tenere conto delle diverse sottospecie e dei tipi di sequenza di X. fastidiosa.
Questo è stato tentato attraverso i pareri scientifici, ma diversi problemi con la disponibilità dei dati hanno indicato che questo potrebbe essere raggiunto solo in parte.
I modelli per il rischio di insediamento hanno mostrato che la maggior parte del territorio dell’UE potrebbe essere potenzialmente adatto per X. fastidiosa, sebbene l’UE meridionale sia maggiormente a rischio.
Differenze nelle aree stimate di potenziale insediamento erano evidenti tra X. fastidiosa sottospecie, in particolare X. fastidiosa subsp. multiplex che ha dimostrato aree di potenziale insediamento più a nord nell’UE. 
Il periodo asintomatico di X. fastidiosa varia significativamente per le diverse combinazioni di sottospecie ospite e patogeno, ad esempio da una mediana di circa 1 mese in piante ornamentali e fino a 10 mesi nell’ olivo, per la subsp. pauca.
Questo periodo asintomatico variabile e lungo, rappresenta una considerevole limitazione al successo nel rilevamento e nel controllo, in particolare laddove la sorveglianza si basa sull’ispezione visiva.
La modellizzazione ha suggerito che l’eradicazione locale (ad esempio all’interno dei frutteti) è possibile, fornendo un’intensità di campionamento sufficiente per la diagnosi precoce e misure di controllo efficaci sono implementate rapidamente (ad esempio entro 30 giorni).
La modellizzazione della diffusione a lungo raggio (ad esempio scala regionale) ha dimostrato l’importante ruolo della dispersione a lungo raggio e la necessità di comprenderlo meglio.
La riduzione della larghezza della zona tampone in entrambi gli scenari di contenimento ed eradicazione ha aumentato l’area infetta.
La sorveglianza intensiva per l’individuazione precoce e la conseguente rimozione delle piante di nuovi focolai è cruciale sia per il successo dell’eradicazione e del contenimento a livello regionale, che per il controllo efficace dei vettori.
La valutazione degli impatti indicava che mandorlo e Citrus spp. erano a minor impatto sulla resa rispetto all’olivo.
Anche se l’impatto più basso è stato stimato per la vite, e il più alto per l’olivo, questo era basato su diverse ipotesi, tra le quali quella che la valutazione considerava solo il Philaenus spumarius come vettore.
Se altri insetti che si nutrono di xilema fungono da vettori, l’impatto potrebbe essere diverso.
La modellizzazione a breve e lungo raggio ha mostrato che una diagnosi precoce e una rapida applicazione di misure fitosanitarie, tra cui la rimozione delle piante e il controllo dei vettori, sono essenziali per prevenire un’ulteriore diffusione dell’agente patogeno in nuove aree.
Un’ulteriore raccolta di dati consentirà una riduzione dell’incertezza e un controllo più mirato ed efficace, data la diversità intraspecifica di X. fastidiosa e l’ampia gamma di ospiti.

 

Fonte: www.efsa.europa.eu

 

Operazione ‘Oro Giallo’ contro la commercializzazione di olio extravergine di oliva contraffatto in tutta Europa

Nella giornata del 13 maggio 2019 è andata in corso una vasta operazione relativa alla fase conclusiva dell’indagine denominata “Oro Giallo”, che prevede l’esecuzione di numerose misure cautelari restrittive e di sequestri probatori, con l’impiego di oltre 250 militari del Gruppo Carabinieri per la Tutela della Salute di Napoli, di unità dell’Arma territoriale e la collaborazione di personale di polizie straniere.

Continua a leggere

Aumentano gli incidenti sul lavoro in agricoltura

I dati trimestrali sugli infortuni sul lavoro relativi al primo trimestre dell’anno, diffusi dall’Inail denunciano un notevole incremento solo per il settore agricolo. Il dato è in netta controtendenza con quanto si rileva per gli infortuni sul lavoro registrati negli altri settori produttivi che segnano invece una riduzione nel confronto tra il dato del primo trimestre del 2019 e quello del primo trimestre dello scorso anno.

Continua a leggere

Cia ed A.P.OL. Lecce, corso

Italia Olivicola, convegno

Il nostro Consorzio Nazionale terrà un convegno in Bari presso l’Hotel Parco dei Principi alla via  Vito Vasile, prolungamento viale Europa, 6 il prossimo 20 maggio 2019 dalle ore 10:00.

Referente il sig. Gaetano Bonasia

Dal lontano passato per arrivare al futuro: riscoperta la Minuta di Chiusi

Il 4 di maggio, in un convegno bene organizzato e con una notevole presenza, si è svolto a Chiusi (SI) un incontro, tra studiosi, per valorizzare e di far conoscere questa varietà, autoctona del territorio intorno al Lago di Chiusi, con caratteristiche molto particolari. Continua a leggere