Il Giappone verso l’ingresso nel Consiglio oleicolo internazionale

Il Sol Levante potrebbe aderire al Coi nel 2020, anno in cui ospiterà i Giochi Olimpici. Nel frattempo una delegazione del Consiglio oleicolo internazionale è volata a Tokyo per promuovere una maggiore cooperazione

Una task force giapponese, composta da membri del Parlamento giapponese e rappresentanti dell’Associazione giapponese dei trasformatori di semi oleosi (JOPA), sta lavorando per sostenere il governo giapponese per promuovere la richiesta del Giappone di diventare membro del Consiglio oleicolo internazionale.

Questo è il primo risultato concreto di una missione condotta al termine della campagna di promozione del Coi in Giappone dal direttore esecutivo, Abdellatif Ghedira, accompagnato dal capo dell’unità Economia e promozione, Ender Gündüz, e dal capo del dipartimento Relazioni esterne, Mounir Fourati.

Nel corso di questa missione si sono tenuti diversi incontri, ….. che … avevano lo scopo di discutere la potenziale adesione del Giappone al Coi.

Il Giappone, che produce olio extra vergine di oliva nella regione di Kagawa, non può tuttavia soddisfare la domanda interna. Importa circa 60 mila tonnellate di olio d’oliva all’anno, principalmente da Spagna, Italia, Grecia, Turchia e Tunisia. È il terzo maggiore importatore di olio d’oliva, al di fuori dei membri del Coi, dopo gli Stati Uniti e il Brasile. Il suo mercato è in rapida crescita e un numero crescente di consumatori si rivolge alle proprietà offerte da questo prodotto, aggiungendolo alla loro dieta soprattutto per motivi di salute.

Il direttore esecutivo Ghedira ha osservato che “il Coi sta lavorando alla richiesta di riconoscimento di due laboratori chimici, sono stati organizzati due corsi di formazione organolettica per i panel di degustazione con il sostegno del Coi e lo Shozu Olive Research Institute della regione di Kagawa ha inviato la sua richiesta di riconoscimento del panel di degustazione. Il Coi si appresta ora a esaminare la richiesta del Giappone di organizzare un terzo corso per i panel di degustazione con esperti di altre nazionalità”.

Ghedira si augura che il Giappone inizi il suo cammino verso l’adesione diventando prima osservatore del Coi. L’obiettivo era “consentire al Giappone di conoscere il Consiglio e di decidere, su tale base, in merito a qualsiasi futura richiesta di adesione”.

Un buon obiettivo sarebbe il 2020, anno in cui il Giappone ospiterà i Giochi olimpici.

Fonte: www.teatronaturale.it