Banca delle terre, al via la vendita dei primi 8.000 ettari

06 Dicembre 2017 Tagged under

E' stata avviata la procedura di messa in vendita del primo lotto di ottomila ettari, su un totale di oltre ventimila, della Banca nazionale delle terre agricole. Lo hanno annunciato oggi il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina, il presidente di Ismea Enrico Corali e il direttore generale dell'Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare Raffaele Borriello, nel corso di una conferenza stampa svoltasi alla Camera di commercio.

Per le manifestazione di interesse, da presentare attraverso una apposita sezione del sito dell'Ismea consultabile su https://goo.gl/FQpCjq, c'e' tempo fino al 3 febbraio, prima dell'asta per la vendita e l'assegnazione dei terreni, ha reso noto Corali.

Si tratta di "aziende chiavi in mano e senza vincoli", ha precisato Borriello, spiegando che non si tratta di terreni agricoli incolti, ma di aziende "tornate nella disponibilita' di Ismea a causa di imprenditori inadempienti". Grande attenzione e' riservata ai giovani, destinatari di mutui agevolati messi a disposizione dall'Ismea, ha aggiunto.

"Tutto cio' che ricaveremo dalla vendita di questa prima tranche sara' destinato al sostegno per i giovani in agricoltura", ha spiegato Martina, esprimendo soddisfazione per l'avvio di una "sperimentazione imponente", che "completa la strategia che abbiamo cercato di impostare negli ultimi anni".

Hanno partecipato all'incontro, tra gli altri, il capogruppo PD in commissione agricoltura della camera Nicodemo Oliverio, il capo dipartimento del MIPAAF Ferdinando Ferrara, il direttore di Agea Gabriele Papa Pagliardini.

Fonte: www.agrapress.it