Nova Agricoltura in Oliveto quest’anno approda in Puglia

Nutrizione, precisione, qualità e innovazione. Queste le parole chiave della quarta edizione di “Nova Agricoltura in Oliveto” che approda per la prima volta in Puglia, nella culla italiana dell’olivicoltura da reddito.

L’evento Edagricole, con il sostegno della Regione Puglia, si svolgerà il 13 aprile all’agriturismo La Locanda tra gli ulivi, a Corato (Bari) e anche quest’anno farà il punto sulle innovazioni a disposizione degli imprenditori olivicoli italiani.

Il campionato nazionale di potatura

La giornata di formazione e training per gli olivicoltori avrà un focus importante sul tema della gestione della chioma.
Nova Agricoltura in oliveto ospiterà infatti anche quest’anno la finale del Campionato Nazionale di Potatura a vaso policonico “Forbici d’oro”. Questa edizione del rinomato concorso – la diciassettesima, sempre organizzata da Assam – porterà a Corato i migliori potatori selezionati dai campionati regionali che si sfideranno a colpi di forbici nell’oliveto dell’agriturismo “La Locanda tra gli ulivi”.

oliveto
Un momento della gara di potatura dell’edizione 2018 di Nova Agricoltura in oliveto

La formula della sfida non cambierà: ogni potatore avrà a disposizione tre piante e un tempo massimo di 10 minuti per trattare ciascuna di esse. Oltre ai primi tre classificati, sono previsti premi anche per la migliore squadra e il miglior giovane potatore. Novità di quest’anno è invece la partecipazione alla gara dei primi tre classificati provenienti dal primo Campionato studenti Istituti Agrari d’Italia che si è svolto il 20 marzo a Macerata.

Le innovazioni in oliveto

Nova Agricoltura in Oliveto offrirà però molto di più agli olivicoltori, ai tecnici e agli studenti di olivicoltura che parteciperanno. Quella del 13 aprile sarà infatti un’intera giornata dedicata alla conoscenza delle innovazioni a disposizione degli olivicoltori per migliorare la resa delle piante, in un’ottica di sostenibilità economica e ambientale.

Gestione del suolo, difesa, nutrizione e innovazione varietale saranno le tematiche affrontate da altrettanti laboratori, che si svolgeranno in parallelo alla gara, condotti da agronomi Edagricole.

A seguire, intorno alle ore 14.00, un approfondimento in forma di workshop, condotto dal giornalista Edagricole Francesco Sportelli, dal titolo: “Olivicoltura tradizionale e ad alta densità, un patrimonio da preservare e valorizzare”.
Nel workshop, che vedrà la partecipazione di esponenti del mondo olivicolo provenienti da Università, centri di ricerca ma anche esperienze di campo, verranno discusse le soluzioni attualmente a disposizione per sostenere le aree che vanno preservate sia per la qualità del loro patrimonio olivicolo sia per la loro capacità di ottenere eccellenti livelli di produzioni in termini di quantità e qualità, pur basandosi su impianti di naturale tradizionale.

 

Fonte: www.novagricoltura.edagricole.it