Pierluigi Tosato non è più amministratore delegato di Deoleo

Addio alla politica industriale che, secondo la volontà dell’ex amministratore delegato Pierluigi Tosato, voleva un olio extra vergine di oliva votato alla qualità.

Dopo la riunione del 27 febbraio, il Consiglio di amministrazione di Deoleo ha deciso di chiudere l’esperienza di Pierluigi Tosato alla guida del gruppo anche se l’italiano rimarrà nel consiglio di amministrazione dell’azienda.

Il successore designato è Miguel Ibarrola, un dirigente della massima fiducia dell’azionista di riferimento, il fondo di venture capital CVC.

Il compito dello spagnolo sarà soprattutto quello di rinegoziare il debito, pari a 600 milioni di euro. Per sedersi al tavolo delle trattative le banche hanno però richiesto un cambio di rotta della politica e filosofia industriale per venire incontro alle esigenze di Deoleo che, nell’ultimo trimestre 2018, ha perso 63 milioni di euro.

La politica industriale di Deoleo virerà quindi drasticamente, nel segno dell’olio commodity, cercando di recuperare terreno proprio nella fascia dell’olio a basso costo, delle offerte speciali, settore che lo ha visto relegato a un ruolo sempre più marginale.

Fonte: www.teatronaturale.it