Rieti, olivicoltura: chiesto lo stato di calamità

Si estende a tutta la Bassa Sabina la conta dei danni causati dalla neve e dal ghiaccio del 27 e 28 febbraio scorsi sulle coltivazioni olivicole. Al Comune di Fara Sabina si aggiungono altri Enti locali che hanno raccolto le istanze degli agricoltori e hanno presentato la richiesta di stato di calamità.

Tra questi i Comuni di Montopoli di Sabina e Poggio Mirteto che hanno già presentato la richiesta entro i cinque giorni successivi all’evento. Altri, come quello di Castelnuovo di Farfa, stanno valutando il da farsi. I prossimi giorni saranno cruciali per la quantificazione dei danni e la stima esatta delle conseguenze che la nevicata della fine di febbraio ha avuto sugli olivi della Sabina.

Fonte: www.ilmessaggero.it