Sicolo: “Tuteliamo il Made in Italy reale”

Il commercio mondiale di olio di oliva sta crescendo a ritmi impressionanti e l’Italia non puo’ permettersi di lasciare le notevoli opportunita’ commerciali che si aprono ai propri concorrenti: Spagna, Tunisia, Portogallo.

Lo ha indicato la tavola rotonda organizzata dal Consorzio Nazionale degli Olivicoltori, “+Europa, valore, opportunità”.

Secondo un’analisi del CNO “dal 2000 ad oggi le importazioni del Brasile sono triplicate, quelle del Canada raddoppiate ed il Giappone importa 2,5 volte in piu’ rispetto all’inizio del secolo. La Cina, che nel 2000 importava meno di 500 tonnellate di olio di oliva, oggi introduce sul proprio territorio oltre 50.000 tonnellate. Gli Stati Uniti restano  il piu’ importante paese importatore di olio di oliva: dall’inizio del nuovo millennio ad oggi, gli acquisiti americani sono aumentati del 65% e il prodotto italiano ha una quota di mercato del 35%, in netto calo rispetto al 2000 quando il 76% di olio importato dagli Stati Uniti proveniva da noi.

“Stiamo perdendo terreno ma occupiamo ancora una posizione di assoluta preminenza che nei prossimi anni e’ necessario consolidare”, ha sottolineato il presidente del CNO, Gennaro Sicolo.

“Ogni anno l’Italia esporta in media 350.000 tonnellate di olio di oliva, per un giro di affari complessivo di circa 1,6 miliardi di euro, mentre la Spagna esporta tre volte di piu’ in termini di volumi ed il doppio in valore (3,2 miliardi di euro)”, precisa il CNO.

“Chiediamo al ministro Centinaio e alla sottosegretaria Pesce, che in questi primi giorni stanno mostrando grande attenzione verso il nostro settore, di valorizzare il made in Italy reale, quello che viene dal grande patrimonio produttivo olivicolo italiano, di tutelare l’extravergine d’oliva da tutte le frodi e contraffazioni e dalle invasioni pacifiche, quali quelle di olio tunisino, che rischiano di mettere a repentaglio il futuro del nostro settore”, ha concluso Sicolo.

Fonte: www.agrapress.it