commissione agricola parlamento europeo

Tornano le polemiche sulle importazioni di olio d’oliva tunisino

Dopo l’annuncio di Junker sull’accordo di libero scambio UE-Tunisia ed i dati sul boom di importazione di olio d’oliva dal Paese nordafricano, tornano le polemiche anche in Italia, con il primo intervento del ministro Centinaio in tema oleario.

Qualche settimana fa il Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, aveva annunciato l’avvio di colloqui perun’area di libero scambio tra Unione europea e Tunisia. Un accordo che avrebbe riguardato inevitabilmente anche l’olio di oliva, rendendo di fatto inutili i contingenti importabili a dazio zero.

Poche settimane dopo le autorità tunisine hanno reso note le esportazioni dalla Tunisia verso l’Unione europea nella campagna olearia 2017/18, flussi commerciali che hanno subito un vero e proprio boom.

Così tornano le polemiche.

onfagricoltura ha scritto all’Alto rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri e la Politica di Sicurezza, Federica Mogherini, ai commissari al Commercio e all’Agricoltura ed agli europarlamentari italiani, per chiedere una valutazione d’impatto preventiva adeguata degli effetti di un’eventuale rinnovo delle condizioni agevolate alla Tunisia per le esportazioni di olio in UE, concesse in via eccezionale per il 2016 ed il 2017.

…. Una risposta … viene dal neo Ministro dell’agricoltura Gian Marco Centinaio, nella sua prima uscita olivicola.”Quando diciamo prima gli italiani diciamo anche prima i nostri agricoltori. Il mio obiettivo è quello di aiutare gli agricoltori italiani perché io sono il ministro all’Agricoltura della Repubblica e non della Tunisia o del Marocco”. Lo ha detto il ministro delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio, a margine dell’assemblea elettiva della associazione Turismo verde della Cia-Agricoltori, in merito alle importazioni agevolate in Ue di olio tunisino.

”Vanno bene gli accordi internazionali e tutto quello che serve per fermare l’immigrazione clandestina, – ha detto il ministro, esponente della Lega – va bene tutto quello che serve per aiutare lo sviluppo dei paesi che sono a ridosso del nostro paese, ma io devo pensare agli agricoltori italiani, devo pensare a tutelarli e a tutelare il Made in Italy. Altrimenti – ha concluso Centinaio – non posso andare in giro per l’Italia a dire che bisogna mangiare italiano, bere italiano, valorizzare i prodotti italiani”.

Fonte: www.teatronaturale.it