Xylella: il piano di attacco al batterio del commissario Arif

Una sterzata netta all’operato dell’Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali (Arif), nel solco di quanto già prevedeva il piano Silletti. La imprime il commissario Oronzo Milillo, secondo quanto emerge dal piano di attacco al batterio presentato nel corso di un incontro operativo

«Il nostro piano di azione – ha dichiarato Milillo – si basa su precisi punti, come:

  • avvio dell’attività di monitoraggio 2019-2020 già dalla prima settimana di agosto, con tre mesi di anticipo rispetto all’annualità 2018-2019 partita a novembre 2018;
  • aumento degli agenti fitosanitari a circa 220, dai 108 ingaggiati fino al 2018;
  • albo aperto che consentirà l’operatività a oltre 30 ditte per l’abbattimento degli olivi infetti e non più solo a una;
  • buste sigillate a doppio codice per blindare l’attività di campionamento e salvaguardare l’operato degli agenti Arif e dei laboratori di analisi; data base unico per gli abbattimenti».

Per Milillo «al momento non ci possiamo pronunciare sull’estensione del contagio alla Basilicata, ma è certo che dobbiamo mettere in atto tutte le misure per contrastare l’avanzata del batterio sia verso il Nord Barese sia verso la Basilicata. Se agiremo tutti in maniera concertata, riusciremo a bloccare il batterio sulle posizioni attuali».

 

Fonte:www.terraevita.edagricole.it