Xylella, UE in allerta. Corsa contro il tempo per evitare le multe

Conto alla rovescia. E corsa contro il tempo. L’allarme lanciato dai ricercatori sull’incedere del batterio killer ed il rischio che Bruxelles possa a breve mettere in conto all’Italia ulteriori infrazioni per parziale inosservanza delle prescrizioni imposte dall’Unione Europea sul fronte della lotta al vettore, suggeriscono al governo una stretta sul piano da approntare per intensificare interventi utili a frenare l’epidemia

“Il piano di contrasto alla xylella, che nelle intenzioni del governo sarà approntato entro la fine del mese, deve contenere un crono-programma con tempi certi ed immediati, dalla certificazione di piante infette con l’eradicazione nelle zone cuscinetto, l’obbligatorietà di trattamenti con prodotti autorizzati, il rafforzamento della ricerca, la garanzia di un ristoro congruo ed immediato per tutte le imprese agricole, ma anche per i frantoi ed i vivaisti, danneggiati dall’epidemia.” ribadisce il presidente della Copagri.

Così, dopo avere manifestato la volontà di mettere a punto un nuovo pacchetto di provvedimenti entro la fine del mese, il ministro Centinaio, raccogliendo l’appello degli operatori, detta i tempi:” Le prossime settimane saranno dedicate alla xylella; è un problema grosso che deve essere affrontato velocemente, perchè siamo già quasi in procedura d’infrazione.” spiega.

“Le prossime settimane – aggiunge Centinaio – usciranno pochi decreti attuativi per questo.”

Ministero a capofitto sugli ulivi, dunque. Questo, almeno, l’impegno annunciato …..

Fonte: www.quotidianodipuglia.it