Ad Emiliano intervistato dal GR1, risponde Maria Lisa Clodoveo

Stamani, al giornalista del GR1 che lo intervistava, il presidente Emiliano, anche assessore alle politiche agricole della Regione Puglia, annunciava la richiesta inoltrata all’UE, di ridurre l’obbligatoria distanza degli abbattimenti da un ulivo infetto da 100 metri a 10 metri.

A questa dichiarazione risponde la professoressa Maria Lisa Clodoveo, ricercatrice confermata e Professoressa Aggregata del Settore Scientifico Disciplinare AGR/15 Scienze e Tecnologie Alimentari dell’Università di Bari.

Modificare le misure di contenimento del batterio riducendo a 10 metri l’area di sradicamento delle piante ospiti (prima fissata nel raggio dei 100 metri ) e approvare deroghe all’abbattimento di piante infette nell’area cuscinetto adducendo ragioni sperimentali è una strategia elettorale per dare un colpo al cerchio ed uno alla botte…. si delegittimano le indicazioni che provengono dal mondo scientifico, l’unico a non avere interessi se non cercare di salvare il salvabile dopo che tutte le indicazioni per impedire la catastrofe che viviamo oggi sono state disattese.

Mi appello a olivicoltori e frantoiani… dite di no a misure che addolciscono la pillola ma condannano a morte il settore che vale il 12% del PIL agricolo della Puglia e che produce reddito per centinaia di migliaia di famiglie che da secoli su questa terra hanno vissuto e vivono di olio!!!! È una questione identitaria!!! Non accettate compromessi!!!