Extravergine 2018, la qualità acquista valore

Un’annata in chiaroscuro per l’olio extravergine d’oliva in Toscana. In generale la produzione dovrebbe superare di circa un 20 per cento la produzione dell’anno precedente, anche se siamo distanti dalle medie consuete degli anni migliori.

Rispetto al 2017 non c’è praticamente stato il problema della mosca delle olive, ma sono state le gelate di fine febbraio ed inizio marzo a creare problemi, soprattutto nelle zone interne della regione. Ma anche in questo caso la situazione è a macchia di leopardo.

Crescono gli ettari di oliveti abbandonati, mentre potrebbero essere coltivati per aumentare la produzione regionale, dal momento che non manca la richiesta ed i prezzi per i produttori e per i frantoi sono in ripresa.

I prezzi di vendita iniziano ad essere remunerativi per i produttori olivicoli, dopo tanti anni, troppi, in cui fare olio extravergine d’oliva era una rimessa. Ma ancora c’è da lavorare in questa direzione. È aumentata la richiesta per gli oli extravergine locali, da acquistare direttamente al frantoio, dal produttore in vendita diretta e nelle Botteghe della Spesa in Campagna.

Nel Senese (a Sinalunga) troviamo un olio extravergine appena franto a 12-13 euro al kg; a Montepulciano la confezione da 5 litri di Dop Terre di Siena si può acquistare ad euro 72,50; mentre l’Igp Toscano a 70 euro. Al punto vendita del Frantoio del Grevepesa, il Toscano IGP Colline di Firenze, la bottiglia da lt. 0,50 a 10 euro; così come l’Extravergine Biologico (sempre da mezzo litro); mentre 12 euro è il prezzo per la bottiglia da lt. 0,50 per il Dop Chianti Classico.

Nelle colline lucchesi si può acquistare l’Igp Toscano a 14 euro al litro mentre l’extravergine a 13 euro. Al negozio del frantoio degli Olivicoltori Toscani Associati invece l’Igp Toscano viene venduto a 60 euro per 5 litri. Nel frantoio di Montenero d’Orcia, prezzi di vendita in linea con lo scorso anno: si va dai 70 ai 90 euro per la lattina da 5 litri; partendo dall’olio novello fino alle selezioni particolari.

Non mancano nella grande distribuzione oli extravergine italiani a prezzi nettamente inferiori, di media costano 6 euro per la bottiglia da 0,75 litri; oppure oli extravergine prodotti nell’Unione Europea a 2,99 euro per la bottiglia da 0,75 litri.

È scontato quindi che dobbiamo continuare a percorrere la strada della qualità, cercando di aumentare il prodotto per essere presenti sui mercati, considerando che il consumatore è sempre più consapevole della concetto di qualità e della salubrità del prodotto che finisce sulla propria tavola. Ed è disposto, come i frantoiani toscani ci hanno confermato, a spendere qualcosa in più per un prodotto locale, salubre, garantito e gustoso.

Fonte: www.ciatoscana.eu