Il commissario europeo per l’agricoltura si impegna a sostenere il settore delle olive spagnolo

Phil Hogan, commissario europeo per l’Agricoltura e lo sviluppo rurale, ha dichiarato che sta monitorando i prezzi dell’olio d’oliva in Spagna e pronto a intervenire per proteggere gli interessi del settore.

Hogan si è impegnato con Clara Aguilera García, neoeletta deputata spagnola del Parlamento europeo dall’Andalusia, in una lettera inviata al deputato europeo all’inizio di questo mese.
Phil Hogan, commissario europeo per l’agricoltura e lo sviluppo rurale: “Voglio assicurarvi che la Commissione [europea] è a conoscenza della situazione dell’olio d’oliva in Spagna e sta monitorando attentamente gli sviluppi”, ha scritto nella lettera. “Siamo consapevoli della necessità di garantire la tutela degli interessi del settore, qualora la situazione lo richieda”.

Hogan ha attribuito i bassi prezzi pagati ai produttori di olio d’oliva in tutte le sue frazioni al livello record di produzione che la Spagna ha sperimentato nella campagna agricola precedente, che insieme alle importazioni hanno superato di gran lunga sia i consumi che le esportazioni.

Si stima che la Spagna abbia un surplus di 880.000 tonnellate di olio d’oliva dal solo 2018/19, secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale.

“Di conseguenza, trainati dall’aumento dell’offerta e dalle elevate scorte finali stimate, i prezzi pagati ai produttori sono costantemente diminuiti durante l’intero periodo di raccolta”, ha scritto Hogan.

Secondo i dati più recenti di Poolred, un’organizzazione che tiene traccia dei prezzi dell’olio d’oliva, l’olio extra vergine di oliva viene venduto per una media di € 2,445 al chilogrammo, che è il secondo punto più basso dell’ultimo mese, ma significativamente superiore a quello storico minimi raggiunti a giugno.

“L’aumento dei consumi interni, combinato con le prime stime per la prossima campagna, spiega il recente aumento dei prezzi”, ha scritto Hogan. “Lo stesso andamento dei prezzi può essere osservato per altre categorie di olio d’oliva.”

Tuttavia, si prevede una resa significativamente inferiore nella campagna agricola 2019/20 in Spagna, mentre altri importanti produttori di olio d’oliva stanno anticipando raccolti eccezionali.

Queste diverse stime di produzione, insieme a potenziali tariffe sulle esportazioni di olio d’oliva dell’Unione europea negli Stati Uniti, hanno reso difficile per la Commissione europea e gli esperti locali indovinare come saranno influenzati i prezzi dell’olio d’oliva.

“Siamo anche consapevoli del potenziale impatto sui prezzi delle olive derivante dalla possibile imposizione delle tariffe da parte degli Stati Uniti”, ha scritto Hogan. “L’impatto sui prezzi dell’olio d’oliva, o quelli di qualsiasi altro prodotto, dipenderà dal livello di eventuali nuove tariffe.”

Il commissario per l’agricoltura ha concluso la lettera invitando Aguilera García a incontrarsi con lui e discutere ulteriormente la questione nella prossima sessione plenaria del Parlamento europeo, che inizia il 16 settembre.

A quel punto, la Commissione europea saprà se verranno imposte le tariffe sulle esportazioni di olio d’oliva e avrà un’idea migliore di come sarà il raccolto del 2019.

Aguilera García non ha accettato pubblicamente l’invito di Hogan a discutere ulteriormente il problema, ma ha dichiarato di essere soddisfatta del contenuto della lettera.

Fonte: www.oliveoiltimes-com.cdn.ampproject.org