Juan Vilar: “L’olivo è il più potente fissatore di CO2 esistente, che lo rende lo strumento migliore per combattere i cambiamenti climatici”

Consulente strategico per istituzioni come la FAO o il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) e il Consiglio oleicolo internazionale, poche persone hanno una visione così ampia e accurata della situazione dell’olio d’oliva, come Juan Vilar.

A distanza di sei mesi dall’Esposizione mondiale dell’olio d’oliva che si terrà a Madrid il prossimo marzo e dove parteciperà come docente, abbiamo parlato con lui del panorama attuale e di temi caldi come i cambiamenti climatici.

Parliamo di produzione, fino a quattro anni fa c’era tranquillità perché non c’erano scorte, ma ora ci sono, in che modo questo fatto influenzerà il consumo?

Il settore dell’olio d’oliva matura ciclicamente e ha già iniziato il suo naturale equilibrio in modo definitivo, grazie alle condizioni meteorologiche, all’evoluzione dei consumi e all’espansione della coltura. Pertanto, il fatto che vi sia un eccesso di scorte contribuisce a un calo dei prezzi.

In Spagna quest’anno il raccolto è stato il più grande della storia, mentre in altri paesi produttori è stato inferiore, tuttavia le previsioni dell’attuale raccolto indicano il contrario: in che modo questo influenza il nostro mercato e il mercato internazionale?

L’alta produzione spagnola ha un effetto negativo sull’evoluzione della quotazione dei prezzi in tutto il mondo. L’attuale calo della produzione in Spagna non avrà alcun effetto sui prezzi a causa dello stock esistente.

Di fronte al moderno uliveto in siepe, l’oliveto tradizionale è redditizio? Può essere sostenuto? Nel caso in cui non sia redditizio, come può essere?

Se parliamo in termini economici, il moderno uliveto in siepe è più competitivo di quello tradizionale. La sua modalità di sfruttamento è più redditizia grazie all’efficienza e all’efficacia della modalità di coltivazione che si basa su rese elevate e viene raccolta più rapidamente e in modo meno costoso. Tuttavia, non bisogna dimenticare che l’oliveto tradizionale ha anche un vantaggio competitivo e, nonostante sia più difficile da gestire, il suo valore aggiunto è la differenziazione e l’unicità. Questo ci porta a pensare che ci sia spazio per entrambi e che dipenderà dall’orografia della terra, dal tempo, ecc.

Perché la domanda di olio d’oliva non cresce più? Soprattutto, ora che c’è un boom di cibi sani, la dieta mediterranea …

Uno dei fattori è il cambiamento nel modello di consumo nei paesi più civili. Mangiano sempre meno a casa, vengono consumati cibi più precotti, usano altri tipi di grassi … Tutto ciò fa sì che non sia più la famiglia a decidere. D’altra parte, questo prodotto si sta concentrando nel segmento più invecchiato della popolazione, il che esercita un’influenza minacciosa sul consumo attuale e futuro che preferisce usare altri oli.

Come potresti promuovere l’olio d’oliva?

La promozione del consumo dovrebbe essere condotta a livello internazionale e guidata dai grandi produttori di olio d’oliva come noi, l’Italia, la Grecia o la Tunisia.

Sebbene in Spagna l’olio d’oliva sia la spina dorsale della nostra gastronomia, come possiamo introdurlo in altri paesi, specialmente in quelli che non lo producono?

La Spagna è un paese che può aumentare il consumo di olio d’oliva per due motivi: il primo perché siamo uno dei paesi più visitati al mondo a livello turistico e il secondo sono i grandi sforzi che vengono fatti da istituzioni, produttori e privati. Tuttavia, non vi è dubbio che tali sforzi dovrebbero essere maggiori, se si tiene conto dell’evoluzione dell’olio d’oliva che si sta sperimentando, sia che si parli di superficie o di produzione.

Quali modelli di successo dovremmo guardare?

La mandorla è un esempio da tenere in considerazione, indipendentemente dal tipo di coltura molto simile, sta effettuando una gestione adeguata tenendo conto delle produzioni e dell’evoluzione del mercato. Se parliamo di altri settori, un chiaro esempio di successo è il fast food che è stato in grado di trasformare il modo in cui mangiamo grazie alla sua innovazione, promozione e sapendo adattarsi ai tempi.

Come consulente, quali tendenze stanno per colpire maggiormente o dove deve andare l’olio d’oliva?

Il mercato è naturalmente equilibrato e al momento, a causa della caduta dei prezzi, l’abbattimento degli uliveti, la semina di massa viene interrotta e, allo stesso modo, i consumi si stanno evolvendo positivamente. Tutto ciò adatterà l’ambiente per entrambi i tipi di oliveto, quello moderno che dovrebbe puntare sull’efficienza e quello tradizionale che dovrà farlo, senza dubbio, per differenziazione e singolarità.

In che modo il cambiamento climatico influenza l’olivo?

L’olivo è la più grande coltura legnosa del mondo ed è il più potente fissativo di CO2 artificiale esistente, che è uno strumento efficace contro i cambiamenti climatici. Pertanto, se un ulivo è in grado di assorbire 2 chili di CO2 al giorno, non vi è dubbio che gli 11,7 milioni di ettari di olivi piantati nel mondo (corrispondenti a un’estensione equivalente all’intera superficie del Portogallo ) sono uno dei grandi alleati per impedire alla CO2 di danneggiare lo strato di ozono. Se a questo aggiungiamo che ci sono sempre più aree adatte per piantare ulivi, non c’è dubbio che l’oliveto può diventare uno strumento utile per combattere il cambiamento climatico globale.

 

Fonte: www.oliveoilexhibition.com