Muggia: la Guardia di Finanza sequestra un ingente quantitativo di olio extravergine di oliva

La Guardia di Finanza di Muggia, ha sequestrato un ingente quantitativo di olio extravergine d’oliva ad un produttore locale in seguito alle molteplici violazioni riguardanti gli obblighi di indicazione di origine, classificazione, etichettatura, tracciabilità, stoccaggio e registrazione sul “Sistema Informatico Agricolo Nazionale (S.I.A.N.) – portale olio di oliva”.

Vige infatti l’obbligo di registrazione di tutte le movimentazioni di olive e olio …. in modo da garantire la totale tracciabilità della filiera di produzione.

Successivamente al sequestro, le stesse Fiamme Gialle si sono attivate per ottenere dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali l’autorizzazione a donare circa 2.000 litri di olio extravergine d’oliva che altrimenti sarebbe andato distrutto. Il prodotto, di eccellente qualità, si attesta infatti sul mercato alimentare con un valore pari ad oltre 35.000 Euro.

Il prodotto quindi dopo aver superato i previsti test di idoneità all’uso alimentare umano, è stato destinato alla Fondazione Diocesana Caritas di Trieste, che si è impegnata di provvedere all’imbottigliamento, all’etichettatura ed al ritiro dell’olio sequestrato.
I responsabili della Caritas hanno espresso il proprio sentito ringraziamento, evidenziando come i rapporti con le Forze dell’Ordine e nello specifico con la Guardia di Finanza siano sempre più stretti nel segno della concreta solidarietà a favore delle classi sociali più bisognose.

Fonte: www.triesteallnews.it