Articoli

Olio d’oliva: Spagna, prima metà dell’annata da record, ma incombono dazi USA

Il Ministero dell’Agricoltura spagnolo ha reso noto che la produzione di olio d’oliva nel paese ha raggiunto 1,77 milioni di tonnellate nella prima metà della campagna 2018/19.

Si tratta di una cifra record, che segna un aumento del 43% rispetto allo stesso periodo del 2017/18 e del 49% rispetto alla media delle ultime quattro campagne.

L’annata è stata proficua anche sotto altri aspetti: le vendite sul mercato interno e internazionale hanno raggiunto le 753.300 tonnellate, il 18% in piu’ rispetto allo stesso periodo di quella passata.

L’export, secondo i dati provvisori a marzo, ha gia’ raggiunto 485.400 tonnellate, il 24% in piu’ rispetto allo scorso anno.

Ora solo le prospettive di dazi USA preoccupano il mondo olivicolo spagnolo.

 

Fonte: www.agrapress.it

A.I.P. OLIVO Enna, corso

L’A.I.P. OLIVO Enna comunica che terrà un corso per l’idoneità fisiologica all’assaggio di olii d’oliva.

Il corso avrà luogo i giorni 6,7,8,14 e 15 giugno 2019 dalle ore 09:00 alle ore 18:00, con pausa dalle ore 13:00 alle ore 14:00, presso la CCIAA di Ragusa, piazza Libertà, 2 in Ragusa.

Referente il sig. Giosuè Catania

Maggio, tempo del primo trattamento insetticida su olivo contro i vettori di Xylella

Maggio è il mese del primo trattamento insetticida per il controllo degli adulti dei tre vettori finora accertati (Philaenus spumarius, Philaenus italosignus, Neophilaenus campestris) del batterio Xylella fastidiosa subsp. pauca genotipo ST53.

5° Comunicato sul monitoraggio dei vettori di Xylella

Lo ricorda il 5° comunicato della Sezione Osservatorio fitosanitario della Regione Puglia del 6 maggio u.s. (disponibile su www.emergenzaxylella.it), il quale, sulla base dei dati ricavati dal quinto ciclo di rilievi effettuati dal Centro di ricerca, sperimentazione e formazione in agricoltura (Crsfa) “Basile Caramia” di Locorotondo (Ba), alla data del 30 aprile, informa che “in tutta la zona infetta e nelle aree costiere fino a 150 m slm, si raccomanda di programmare tempestivamente un trattamento insetticida su olivo con prodotti autorizzati, al fine di abbattere la popolazione di adulti in fase di migrazione dalle infestanti alle chiome di olivo, prima che possano divenire infettivi”.

Il 5° comunicato della Sezione Osservatorio fitosanitario della Regione Puglia raccomanda di programmare tempestivamente il primo trattamento insetticida su olivo in tutta la zona infetta e nelle aree costiere fino a 150 m slm.

Ai sensi della Decisione UE/789/2015, del D.Lgs 214/05 e della DGR 1890/2018, il controllo chimico degli adulti dei vettori deve essere effettuato con due trattamenti insetticidi nel periodo maggio-giugno con principi attivi registrati (acetamiprid e deltametrina). I due trattamenti sono obbligatori nella zona cuscinetto e nella zona contenimento, mentre sono raccomandati nella zona infetta propriamente detta e nella zona indenne. I trattamenti fitosanitari devono essere effettuati da personale qualificato in possesso del certificato di abilitazione all’acquisto e all’utilizzo di prodotti fitosanitari (patentino), i quali devono rispettare quanto riportato in etichetta.

 

Fonte: www.terraevita.edagricole.it

Xylella: archiviata indagine. Chi pagherà danni?

“Siamo dalla parte della scienza e della ricerca e siamo contenti che si sia chiusa questa triste pagina per tanta brava gente che da sempre ha cercato di lottare contro il batterio, anche quando tutti lo consideravano come un problema di scarsa entità”. Continua a leggere

Dazi: Assitol, rimuovere olio d’oliva da elenco prodotti da tassare

“I dazi sull’olio d’oliva colpiscono l’export dell’Italia e della Ue, mettono in difficoltà la nostra economia e attaccano la salute dei consumatori statunitensi, che non potranno più contare sulle qualità nutrizionali di questo alimento”.

L’analisi è di Assitol, l’Associazione Italiana dell’Industria Olearia, che sostiene la petizione della Naooa (North American Olive Oil Association), di cui è componente, rilanciandola in Italia (www.aboutoliveoil.org/petition).

L’amministrazione statunitense, in risposta ai presunti sussidi all’industria aeronautica europea, ha infatti stilato un elenco preliminare di prodotti, esportati negli Stati Uniti, su cui saranno applicati i dazi, pari ad un ammontare di 11 miliardi di dollari, a partire dalla prossima estate, dopo la riunione del Wto, l’Organizzazione Mondiale per il Commercio, convocata appositamente.

Tra i tanti prodotti, anche agroalimentari, individuati dall’amministrazione americana, è stato inserito anche l’olio d’oliva.

Il danno economico per il settore dell’olio d’oliva rischia di essere molto pesante – osserva Anna Cane, presidente del Gruppo olio d’oliva di Assitol – secondo i nostri dati, lo scorso anno, solo di olio extra vergine sono state vendute negli Usa 71.568 tonnellate, per un valore di quasi 400 milioni di dollari. Con la tassazione imposta dagli americani, il suo contributo alla nostra economia subirebbe un grave contraccolpo, mettendo in difficoltà aziende e occupazione nel settore”.

Torna nelle Marche la Rassegna degli oli monovarietali

La  Rassegna Nazionale degli oli monovarietali, organizzata da Assam e Regione Marche, ha dato un grande impulso alla produzione di oli monovarietali, ambasciatori a tavola della ricca biodiversità olivicola marchigiana ed italiana, e alla loro caratterizzazione chimica  e sensoriale. Continua a leggere

Ora l’olivicoltura spagnola punta il dito contro l’industria e il governo

Il mondo dell’olio d’oliva iberico è sull’orlo del collasso e di una crisi isterica, con il prezzo dell’extra vergine standard che, secondo il portale PoolRed è sceso a 2,29 euro/kg la scorsa settimana e il vergine che è arrivato a 2,01 euro/kg. Continua a leggere

I consumatori tedeschi bocciano l’olio extra vergine di oliva che trovano nei supermercati

La rivista Oko Test, noto magazine dei consumatori tedeschi, che esegue mensilmente valutazioni sui prodotti in commercio, a maggio si è occupata di olio extra vergine di oliva, testando la qualità di questi prodotti non solo sotto il profilo legale ma anche per il tenore in alcuni inquinanti, come MOSH e MOAH. Continua a leggere

Xylella, j’accuse dell’Accademia dei Lincei

Atto d’accusa contro i politici da parte dell’Accademia dei Lincei:”Sull’emergenza xylella la scienza è stata ignorata“. Continua a leggere

Lotta alla sputacchina. Dal 1° maggio al 15 giugno controlli dei Forestali contro i trasgressori

Dal 1° maggio al 15 giugno pre i trasgressori, ovvero coloro i quali non avranno fatto le buone pratiche agricole, scatteranno salate sanzioni: anche superiori ai mille €uro. Continua a leggere