Articoli

Il COI convalida il bicchiere da degustazione rosso

Il Consiglio oleicolo internazionale (COI) ha convalidato un calice da degustazione rosso in alternativa alla comune coppa blu cobalto attualmente utilizzata da coloro che eseguono analisi sensoriali degli oli di oliva.

Il nuovo strumento era stato presentato dai rappresentanti dell’Università di Jaén e dalla società spagnola Elaia Zait al comitato di esperti del COI, il quale ha poi affermato che soddisfa gli standard adottati dall’Organizzazione per le analisi sensoriali degli oli d’oliva.

https://www.oliveoiltimes.com/library/doc5.pdf

“Questo è il risultato di un progetto di innovazione che abbiamo realizzato all’Università di Jaén per la società Elaia Zait”, ha detto a Olive Oil Times José J. Gaforio, che ha sviluppato il nuovo bicchiere con Miguel Ángel Rubio e Alfonso Martínez.

“La convalida da parte del COI del calice da degustazione di granato rosso è una pietra miliare importante per il settore dell’olio di oliva in quanto rappresenta un’innovazione che migliora l’analisi organolettica degli oli di oliva vergini. La sua caratteristica principale è che neutralizza totalmente il colore degli oli, evitando distorsioni nell’analisi. “

Questa tonalità di rosso è stata selezionata per la sua capacità di far apparire l’olio d’oliva incolore dall’esterno, ha affermato il COI, che evidenzia la conformità alla norma COI / T.20 / Doc. N. 5 del Metodo per la valutazione organolettica dell’olio di oliva: “Realizzato in vetro di colore scuro per impedire al degustatore di percepire il colore dell’olio, eliminando così eventuali pregiudizi e impedendo la possibile formazione di pregiudizi o tendenze che potrebbero influenzare il obiettività della determinazione. ”

Il panel test per l’olio d’oliva va aiutato a migliorarsi grazie all’analisi chimica

In base alla legislazione vigente, gli oli vergini di oliva possono essere classificati come Olio extravergine di oliva (EVOO), Olio Vergine di Oliva (VOO) e Olio Vergine Lampante di Oliva (LVOO), in funzione delle loro caratteristiche chimiche e sensoriali. Continua a leggere

Il Giappone viene in Italia a formare i suoi assaggiatori d’olio d’oliva

Il Giappone incide per il 7% dell’export olivicolo nazionale, arrivando al 17% nel caso di olio proveniente dal Sud Italia. Nel paese del Sol Levante si stanno formando nuove professionalità Continua a leggere

Il panel test al centro dei lavori del Consiglio oleicolo internazionale

Due giorni di lavoro a Madrid per discutere dei risultati del ring test internazionale ma anche per promuovere l’applicazione del metodo organolettico per l’olio d’oliva ma anche per armonizzare i comitati internazionali Continua a leggere

Le nuove normative di riferimento per il panel test dell’olio d’oliva e le tendenze per il futuro

La funzione più importante del laboratorio di analisi sensoriale, spesso volgarmente chiamato semplicisticamente panel, è sicuramente e senza ogni dubbio il panel leader, ovvero il responsabile del funzionamento regolare e conforme di tutto il delicato meccanismo formato da apposite strutture funzionali, dai giudici di analisi sensoriale e dai collaboratori (laboratory staff). Continua a leggere

APROLI Bari – comunicazione annullamento corso

Il corso di idoneità fisiologica all’assaggio degli oli di oliva, organizzato da APROLI Bari, con inizio il 23 settembre 2019, è stato annullato.

Una full immersion per scoprire i segreti della degustazione dell’olio d’oliva

I corsi di Onaoo sono considerati, a livello internazionale, tra i più formanti per diventare assaggiatori d’olio d’oliva grazie all’esperienza degli assaggiatori Onaoo e ai docenti di prim’ordine che vengono a tenere lezione. Continua a leggere

Il panel test per l’olio d’oliva deve essere messo in condizione di non nuocere

Nel corso di un convegno organizzato da elEconomista, noto giornale economico iberico, la filiera olivicolo-olearia spagnola si è scagliata nuovamente contro il panel test. Si muove anche l’Interprofessione che vuole un metodo “non vincolante” Continua a leggere

I nuovi padroni dell’olio d’oliva a livello mondiale fanno fuori l’Italia

Un doppio colpo basso per l’Italia dell’olio. Restata a bocca asciutta nel rinnovo a fine giugno delle cariche del Coi, il Consiglio oleicolo internazionale, organismo internazionale sotto l’egida dell’Onu, l’Italia ha dovuto fare i conti con un’altra cattiva notizia: la cacciata del responsabile dell’Unità chimica del Coi.

Continua a leggere

Abdellatif Ghedira direttore esecutivo del Consiglio oleicolo internazionale fino al 2023

Apparentemente la 109a sessione del Consiglio dei membri del Consiglio Oleicolo Internazionale appariva come una riunione formale ma in realtà è stata presa una decisione strategica che influenzerà il destino del settore olivicolo-oleario almeno per i prossimi quattro anni. Continua a leggere