Articoli

Xylella, dall’uso del Vapore Umido Bollente ottimi risultati per il controllo vettori

Dalla relazione del Professor Francesco Porcelli (entomologo del DiSSPA dell’Università di Bari) sull’utilizzo del Vapore Umido Bollente (brevetto Dyrecta & UNIBA), dopo la prova sul campo, emerge l’efficacia del sistema per il controllo dei vettori Continua a leggere

Regione Puglia – Dipartimento Agricoltura: monitoraggio vettori xylella fastidiosa al 26 settembre 2019

Continua il monitoraggio dei vettori della Xylella fastidiosa attivato ai sensi della decisione UE/789/2015, del D. Lgs 214/05 e della DGR 1890/2018, con l’obiettivo di studiare il loro ciclo biologico e verificare la presenza nelle diverse zone e sui vegetali con particolare riferimento alle specie ospiti di Xylella e in particolare l’olivo.

L’Osservatorio Fitosanitario, da marzo 2018, ha fornito informazioni sulla presenza dei diversi insetti vettori nelle varie zone demarcate, lo spostamento degli stessi sulla diversa tipologia di vegetazione e ha indicato i periodi ottimali in cui intervenire con interventi agronomici e chimici contro i vettori.

In generale il numero degli adulti catturati è in diminuzione, di seguito e nei grafici allegati si forniscono maggiori dettagli.

Philaenus spumarius:

  • zona indenne: sulle chiome di ciliegio, olivo e piante di bordo (cupressacee e querce) e con maggiore frequenza nei siti ove non si sono effettuati trattamenti fitosanitari (incolti e condotti in biologico), gli individui adulti sono stati catturati con frequenza medio-bassa.
    Sul mandorlo, ormai quasi completamente defogliato, non sono stati rilevati adulti.Sulla vegetazione infestante sono presenti con bassa densità.
  • zona cuscinetto: su olivo, ciliegio e piante di bordo (in particolare nei siti oltre i 300 m di altitudine) la presenza degli adulti è risultata medio-bassa.
    Su Erigeron, Daucus, Leontodon, Diplotaxis, Urospermum e Chenopodium la presenza è occasionale.
  • zona contenimento: su olivo e piante arboree/arbustive di bordo, gli individui adulti sono presenti con densità relativamente bassa.
    Sulle specie infestanti prevalentemente del genere Erigeron, Urospermum, Picris e Chenopodium la presenza è occasionale.
  • zona infetta: nel 50% dei siti sono stati catturati adulti su olivo con densità inferiore rispetto al rilievo precedente. In riduzione anche le catture sulle altre piante arboree ed arbustive (mirto, lentisco, fillirea, cipresso, querce) limitrofe gli oliveti monitorati.In meno della metà dei siti, con frequenza estremamente bassa, sono stati catturati adulti sulla vegetazione di copertura in ricrescita.Neophilaenus campestris:

• In tutti i siti: gli adulti sono stati rilevati essenzialmente su cipresso e pino. Si segnala qualche cattura

di individui adulti e in pochi siti su olivo, ciliegio e sulla vegetazione spontanea. Philaenus italosignus:

Soltanto nei siti in cui in primavera erano stati rilevati individui giovani sono stati catturati adulti su olivo, fruttiferi, piante arbustive e infestanti; negli altri siti non è stato catturato alcun individuo adulto sia sulla vegetazione spontanea che su piante arboree ed arbustive.

 

I ricercatori tracciano avvistamenti di parassiti nel tentativo di proteggere contro la xilella

Come misura preventiva contro Xylella fastidiosa, gli scienziati del Regno Unito hanno invitato volontari, all’inizio di quest’anno, per registrare gli avvistamenti di cimici e i loro residui. I ricercatori stanno usando questi dati per tracciare la loro distribuzione nel Regno Unito.

Le sputacchine, note anche come insetti che si nutrono di xylema, diffondono Xylella – che ha distrutto decine di oliveti in Italia e nella regione del Mediterraneo – da una pianta infetta all’altra quando si nutrono di loro. Continua a leggere

I fattori influenzanti i vettori di xylella fastidiosa indagati in Abruzzo

L’Abruzzo è regione indenne ma la vicinanza con le zone infette, l’elevato traffico nelle vie di comunicazione tra la Puglia e le altre regioni italiane, il commercio delle olive dalle province pugliesi e la forte attività vivaistica, rendono gli areali di coltivazione abruzzesi a forte rischio di introduzione. Continua a leggere

Xylella, conclusa l’inchiesta alla Camera: «Si può solo eradicare, non ci sono cure»

Nel testo in commissione nessuno spazio alle teorie complottiste: «La responsabilità dei disseccamenti è stata accertata dalla scienza dal 2014»

Continua a leggere

Valutazione sull’efficacia dei differenti fitofarmaci contro il Philaenus spumarius L..

Il Philaenus spumarius L. è stato identificato come il vettore principale della Xylella fastidiosa, il batterio che causa una malattia denominata sindrome da declino rapido dell’olivo (OQDS) nell’Italia meridionale. Continua a leggere

Determinazione del Dirigente Sezione Osservatorio Fitosanitario 22 maggio 2018, n. 281

Applicazione Decisione di esecuzione della Commissione Europea 2015/789/UE del 18/05/2015 e s.m.i. e Decreto Ministeriale 4999 del 13/02/2018 – Chiarimenti e disposizioni sulla gestione del vettore nelle aree delimitate.

Continua a leggere

batterio xylella

Sputacchina: valutazione dell’efficacia di insetticidi

Il Philaenus spumarius L. è stato identificato come il vettore principale della Xylella fastidiosa, il batterio che causa una malattia denominata sindrome da declino rapido dell’olivo (OQDS) nell’Italia meridionale. Continua a leggere

batterio xylella

Xylella: Regione Puglia contro le ordinanze dei sindaci sull’impiego dei fitofarmaci nella lotta al vettore della batteriosi

Sull’impiego di fitofarmaci nella lotta al vettore della Xylella “la Regione Puglia è pronta a valutare e mettere in campo un’attività di contrasto alle ordinanze dei sindaci che immotivatamente vietano l’utilizzo di alcuni prodotti”. Lo ha sostenuto l’assessore alle Risorse agroalimentari della Puglia e coordinatore della Commissione agricoltura della Conferenza delle Regioni, Leonardo Di Gioia, al termine di un incontro tecnico con le associazioni agricole e l’osservatorio fitosanitario regionale.

Continua a leggere

batterio xylella

Insetticidi, Fitto e De Castro: è arrivato il momento di scegliere se stare con la scienza o con i santoni

Nota congiunta degli europarlamentari Raffaele Fitto (Conservatori e Riformisti Europei) e Paolo De Castro (progressista di Socialisti e Democratici). Continua a leggere