Articoli

Olio, giacenze nazionali

In riduzione i depositi di olio di oliva rispetto all’ultima rilevazione, anche se si tratta di numeri ancora molto altri (+36,4%) se rapportati allo scorso 15 luglio 2019.
Sono on line sul sito del Mipaaf i report settimanali delle giacenze nazionali di olio, “Frantoio Italia”, redatti dall’Icqrf, l’Ispettorato centrale repressioni frodi del Ministero delle Politiche Agricole. Uno strumento fondamentale per produttori e operatori, che consente di sapere settimanalmente la quantità di stoccaggio di olio presenti sul territorio nazionale. Continua a leggere

Oliveto, difesa estiva

In estate la difesa dai patogeni raramente richiede l’esecuzione di interventi specifici; in genere durante la stagione più calda si evidenziano i sintomi di infezioni fungine verificatesi nei mesi precedenti. Continua a leggere

Svimez, previsioni 2020-2021

Lo shock da Covid-19 ha colpito un Mezzogiorno già in recessione, prima ancora di aver recuperato i livelli pre-crisi 2008 di prodotto e occupazione.

Continua a leggere

Xylella, 30 milioni di euro per sostegno a investimenti e ripristino potenziale produttivo

Vogliamo rafforzare ancora di più gli interventi a tutela dei nostri olivicoltori nella battaglia contro la Xylella, con strumenti di applicazione rapida e dando risposte concrete. Vanno in questa direzione le decisioni assunte oggi al Ministero e che siamo convinti saranno confermate in sede di Cabina di regia del Cipe. Semplifichiamo le procedure e concentriamo le risorse per il sostegno degli investimenti e per il ripristino del potenziale produttivo, aumentando i plafond delle misure già previste dal Psr della Puglia. Allo stesso tempo lavoriamo per velocizzare l’intera attuazione del piano da 300 milioni di euro per il rilancio. Quello che ho chiesto agli Uffici è di semplificare e tagliare i tempi di attesa“.

Così la Ministra delle politiche agricole Teresa Bellanova commenta gli esiti della riunione odierna del Comitato di sorveglianza sull’attuazione del Piano operativo agricoltura. Nell’incontro è stata approvata la rimodulazione delle risorse assegnate al sotto piano 5 – piano di emergenza per il contenimento di Xylella fastidiosa in Puglia – pari a euro 30 milioni di euro, a valere sul Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020.

I 30 milioni di euro saranno utilizzati per aumentare il plafond previsto per le misure del PSR della Regione Puglia. In particolare, 27 milioni di euro andranno a favore della sottomisura 4.1.C “Sostegno per gli investimenti per la redditività, la competitività e la sostenibilità delle aziende olivicole della zona infetta relativamente alla Xylella fastidiosa” ed i restanti 3 milioni di euro saranno destinati alla sottomisura 5.2 “Sostegno ripristino terreni e potenziale produttivo danneggiato da calamità naturali”.

La rimodulazione approvata dovrà essere sottoposta alle valutazioni della Cabina di Regia presso la Presidenza del Consiglio.

 

Fonte: www.politicheagricole.it

Occorre rilanciare il valore delle OP

«La politica nazionale ha investito molto interesse nel mondo delle organizzazioni dei produttori (OP). Il ruolo delle OP deve estendersi anche alla fase di commercializzazione dei prodotti dei soci e non limitarsi all’assistenza tecnica e alla formazione. Continua a leggere

Calabria, il potenziale delle sue varietà d’olivo minori

Dalla Tesi di Laurea di di Ilenia Aloi , con relatore il prof. Marco Poiana e correlatrice la  dott.ssa Amalia Piscopo del Dipartimento di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, lo studio di alcune varietà autoctone calabresi. Continua a leggere

Frantoio, la rivoluzione tecnologica

Il frantoio non è più quel luogo un po’ sporco e maleodorante di molti anni fa.
Non è neanche più il luogo dove basta schiacciare qualche pulsante per produrre olio.
Oggi il frantoio è diventata una vera e propria industria alimentare, con tanta tecnologia, che necessita, ancor prima di venire controllata con rigore, di venire scelta con attenzione.
Per capire i trend e le mode in frantoio abbiamo interpellato il prof. Maurizio Servili dell’Università di Perugia. Continua a leggere

Fumaggine dell’olivo, conta la prevenzione

Patologia che si riscontra in molte specie vegetali, la fumaggine si manifesta sull’olivo come un annerimento superficiale delle foglie, dovuto alla presenza di uno strato di micelio, dall’aspetto polveroso, prodotto da un complesso di funghi (Capnodium spp, Alternaria spp ed altri), depositato soprattutto sulle foglie ma anche su rametti e branche. Continua a leggere

gennaro sicolo

Oliveti Terra di Bari, Gennaro Sicolo riconfermato Presidente

Una strategia di sviluppo per l’olivicoltura pugliese che promuova i sistemi organizzati e valorizzi le aggregazioni tra produttori virtuose, capaci in questi anni di guardare al mercato garantendo un prodotto sicuro, tracciato e 100% italiano.

Continua a leggere

Le false tesi sull’epidemia di Xylella

E’ di tutta evidenza, per chi leggerà l’articolo sotto riportato, come sia inutile qualunque “cappello” allo stesso. Ma non posso esimermi dal commentare le tesi della signora Reski, unitamente a quelle dei vari ambientalisti, dei vari magistrati, dei vari cantanti, dei vari opinionisti che – loro sì – hanno contribuito pesantemente alla distruzione di un territorio. Tutto mentre addetti ai lavori – agronomi, patologi, virologi, entomologi – con somma pazienza e dedizione costante, in silenzio hanno studiato, e continuano a farlo, i metodi per combattere questa terribile batteriosi che ad ora non ha soluzioni definitive.
La scienza ha passi lenti ma concreti, non vive di interviste o articoli che, sinceramente, non dovrebbero essere nemmeno accettati perchè solo dannosi, nulla apportando alla soluzione del problema ma solo illudendo o gettando nella disperazione quelli che in un oliveto vivono e di quello fanno vivere la propria famiglia.
Io sono stanco di leggere follie di ogni genere, rimedi da santoni, apocalittiche visioni di campi inondati da insetticidi. Basta.
Io e, credo, tutti gli studiosi e ricercatori che usano e sfruttano il loro sapere nella ricerca di un rimedio, siamo stanchi di leggere e discutere con persone che cercano un momento di visibilità.
Gabriele Verderamo

Continua a leggere