Articoli

Cia, al via piattaforma “Lavora con agricoltori Italiani”

Cia-Agricoltori Italiani lancia una piattaforma di intermediazione per mettere in contatto, in tutte le province, aziende agricole e lavoratori.

In attesa di soluzioni dal governo sulla carenza di manodopera nei campi, questione al centro del dibattito in questi giorni, Cia-Agricoltori Italiani lancia la piattaforma di intermediazione “Lavora con agricoltori Italiani”. Il portale, riconosciuto dal Ministero del Lavoro, consente a chi cerca occupazione di entrare in contatto direttamente con le aziende della propria provincia, e alle imprese di intercettare velocemente i candidati con la massima trasparenza e legalità. Continua a leggere

Bellanova alla Cia: Agricoltura mediterranea e Made In Italy al centro della nuova PAC

Riportare l’agricoltura al centro dell’agenda politica. E’ l’obiettivo rimarcato dalla Ministra per le Politiche agricole, alimentari e forestali, Teresa Bellanova, intervenuta nella sede nazionale di Cia-Agricoltori Italiani a Roma in occasione della Direzione, e condiviso dal presidente nazionale, Dino Scanavino, riporta una nota dell’organizzazione agricola. Continua a leggere

Scanavino (CIA): serve una soluzione equa per evitare una guerra commerciale USA-UE

“I dazi USA all’UE per 7,5 miliardi di dollari rappresentano un duro colpo per il made in Italy, sia da un punto di vista economico, visto che l’agroalimentare è un settore particolarmente sensibile agli scambi commerciali, sia da un punto di vista politico, considerato che Cia guarda a un mondo aperto al libero scambio e non bloccato da barriere protezionistiche, per sviluppare le opportunità di creare ricchezza attraverso l’export; in particolare su quei mercati, come gli Stati Uniti, dove l’Italia può giocare un ruolo di esportatore netto”, Continua a leggere

Scanavino (CIA-agricoltori italiani): Il Ceta? il rischio sono gli accordi con il Sud America

“Tutti parlano del CETA ma i rischi maggiori per il settore agroalimentare vengono dal negoziato in corso tra l’UE ed il Mercosur, poichè lì vi sono nostri importanti concorrenti” Continua a leggere