Articoli

Il tappo antirabbocco “a biglia” per l’olio d’oliva viene bandito

Dopo che sono state raccolte 125 segnalazioni sulla sua pericolosità nel giro di due anni gli organi ministeriali hanno deciso che debba essere ritirato dal mercato. L’obbligo del tappo antirabbocco, però, resta inalterato.

Il tappo antirabbocco cosiddetto “a biglia”, pensato per scongiurare le frodi alimentari e l’utilizzo di oli contraffatti nei ristoranti e nella grande distribuzione, è troppo facile da manomettere e per questo verrà ritirato dal mercato.

A deciderlo è stato il MISE, insieme al MIPAAF e al MDS, dopo aver ricevuto 125 segnalazioni di incidenti da parte dei consumatori negli ultimi due anni.

Incidenti causati dagli stessi consumatori che, per velocizzare l’erogazione dell’olio, hanno manomesso il tappo provocando la rottura del cestello in plastica e la caduta della biglia di vetro nel proprio piatto o direttamente nella bottiglia.

Il ripetersi di questi casi ha spinto il Ministero a siglare un protocollo di intesa insieme alle aziende produttrici e alle associazioni di categoria interessate, allo scopo di governare la transizione sensibilizzando gli utenti al corretto utilizzo delle bottiglie con questo tipo di tappo antirabbocco, in attesa di un definitivo ritiro dal mercato.

Gli incidenti segnalati – spiega il Direttore di Fipe Roberto Calugi – si sono verificati all’interno delle mense scolastiche o in ambito domestico e mai in un bar o un ristorante. Tuttavia ci siamo subito attivati per informare i gestori dei locali di questo problema, invitandoli a controllare che nessun cliente manometta il tappo antirabbocco, con il rischio di trovarsi una pallina di vetro nella minestra o nell’insalata. Allo stesso tempo però – prosegue Calugi – è bene ricordare che noi ristoratori abbiamo sempre criticato l’imposizione per legge di questo tipo di dispositivi, perché riteniamo siano assolutamente inefficaci nel contrasto alle frodi alimentari. E questo lo testimoniano le numerose indagini della Finanza e dei Carabinieri, venute alla luce dopo l’obbligo di adottare il tappo antirabbocco. Ora che si scopre che è persino pericoloso, non possiamo fare altro che dirci soddisfatti per la decisione di toglierlo dal mercato. L’unico argine contro le frodi alimentari, in particolare di olio e vino, sono i controlli serrati che coinvolgano l’intera filiera”.

Tappo antirabbocco a rischio

Il tappo antirabbocco è stato istitutio con una legge del 2014. Una conquista che avrebbe dovuto far scomparire, dai tavoli dei ristoranti, le oliere spesso riempite di olii diversi da quelli che in origine contenevano.

Continua a leggere

Basta personalismi! E’ ora di pensare agli olivicoltori

Questa un’annata disastrosa è profondamente diversa da quella del 2014. Dal pericolo che la legge Salvaolio venga svuotata fino alle spaccature della filiera. Una Colomba Mongiello senza peli sulla lingua che ne ha per tutti, anche sulle prese di distanze dal Piano olivicolo nazionale: “il tavolo di filiera è stato consultato per la suddivisione dei fondi presso il Ministero”. Pubblichiamo la lettera indirizzata al Direttore di Teatro Naturale.

Continua a leggere

Una manina contro la legge Mongiello, Salva Olio Italiano

Una sceneggiata, quella messa in piedi dal Ministero dello sviluppo economico, che sottointende la volontà di mettere in discussione la legge 9/2013. Più che risolvere la situazione si voleva suscitare scandalo e allarme. I sospetti del Presidente dell’Associazione dei mastri oleari, Giampaolo Sodano Continua a leggere

La Grande Distribuzione mette al bando il tappo antirabbocco per l’olio extra vergine d’oliva

Dopo la nota del Ministero dello Sviluppo economico che risaltava la presunta pericolosità del tappo antirabbocco, la Grande Distribuzione coglie la palla al balzo. Pioggia di lettere a produttori e frantoniani, chiedendo la cessazione della fornitura delle bottiglie con tappo antirabbocco. E’ il preludio a una richiesta di abbassamento del prezzo?

Continua a leggere

Il Mise vorrebbe vietare il tappo antirabbocco per l’olio extra vergine d’oliva: è pericoloso!

Il Ministero dello sviluppo economico vorrebbe vietare il tappo antirabbocco per l’olio extra vergine d’oliva, ma stranamente non per aceti e superalcolici, perchè “tipologia di tappi non sicura per l’uso da parte del consumatore”. Ma solo a casa, perchè al ristorante continuerebbe a essere obbligatorio. No, non è una fake news, ma sembra di essere a Scherzi a parte

Continua a leggere