Articoli

La xylella ormai in provincia di Bari, Sicolo: “A rischio 30 milioni di ulivi e 70mila aziende olivicole”

“La Commissione Europea, oltre a decretare ancora una volta il fallimento di chi era chiamato a controllare l’avanzata del batterio della xylella, certifica il pericolo di morte per altri trenta milioni di ulivi e settantamila aziende che vivono di olivicoltura”.

Con queste parole il Presidente del Consorzio Nazionale degli Olivicoltori, Gennaro Sicolo, ha commentato la decisione del Comitato UE per la salute delle piante, su proposta della Commissione Europea, di estendere la zona cuscinetto di 20 km verso Nord, in piena provincia di Bari, fino alla piana di Monopoli.

 

“C’è grande preoccupazione per il futuro del nostro settore e per quello di migliaia di famiglie – ha sottolineato Sicolo -. La Provincia di Bari e la Provincia Bat, cuore olivicolo pugliese ed italiano, vengono adesso messe a repentaglio da un batterio alimentato da tanti irresponsabili, da tanti amministratori, da tanti politici e da qualche organizzazione agricola che per troppo tempo, solo per squallidi calcoli opportunistici, hanno dato credito a teorie inesistenti, complotti e chiacchiere di numerosi santoni e nullafacenti, invece di affrontare seriamente il problema”.

 

“Mi auguro che il governo che sta per nascere affronti la questione in maniera prioritaria perché si tratta di una grande emergenza nazionale – ha proseguito il Presidente del Cno -. Allo stesso modo spero che la Regione Puglia, per troppo tempo colpevolmente silente, acceleri le procedure per le estirpazioni delle piante infette, come avviene ad esempio in Spagna e Francia dove combattono la stessa epidemia, e prosegua sia il monitoraggio, sia i controlli per verificare se siano in corso tutte, e sottolineo tutte, le operazioni previste dal Decreto Martina per contenere il batterio”.

 

“È fondamentale dar seguito agli ultimi buoni propositi manifestati sbloccando i fondi per il ristoro delle aziende colpite, sostenendo la ricerca seria per provare ad arginare il batterio, e iniziando concretamente il reimpianto delle varietà di ulivi resistenti nella zona infetta, per non perdere quella tradizione millenaria che ha contraddistinto la Puglia, punta di diamante dell’olio extravergine d’oliva di qualità a livello nazionale ed internazionale”, ha rimarcato Gennaro Sicolo.

 

“È finito il tempo delle chiacchiere, il tempo delle discussioni portate avanti soprattutto da chi non ha nemmeno titolo per parlare di scienza e ricerca: sappia però questa gente che, se l’epidemia non si fermerà, saranno proprio loro ad essere considerati come i criminali che hanno ucciso l’olivicoltura pugliese e italiana”, ha concluso il Presidente del Consorzio Nazionale degli Olivicoltori.