Un’annata d’oro per l’olio ligure: alberi ricchissimi e prodotto ottimo

Pioggia benedetta. L’olivicoltura ligure – in particolare nel Ponente, regno della taggiasca e zona dove si localizza la maggior parte della produzione regionale – ha beneficiato delle condizioni climatiche di una primavera particolarmente generosa che ha fatto registrare una situazione di surplus pluviometrico in quasi tutte le stazioni meteo.

Mentre nel resto del Paese peseranno i danni da gelate sia nel nord della Puglia che nel centro Italia, in Liguria – a parte qualche caso ma con gravi danni in particolare in zone montane dell’estremo ponente …. la pioggia ha dissetato con benevola generosità una terra riarsa dalla siccità del 2017 andando anche a implementare le falde profonde.

Insomma c’è speranza e cauto ottimismo tra i produttori olivicoli, le premesse ci sono tutte per superare – e di molto – quantità e qualità della stagione 2017 attesa come annata di carica e di rinascita (dopo l’anno orribile del 2016) ma ridimensionata dal clima siccitoso.

….

Fonte: www.ilsecoloxix.it